Novità
Recensioni
Eventi

Teodor Ceric
Giardini in tempo di guerra

Genere: Giardinaggio
Casa editrice: Ponte alle Grazie
Data di Pubblicazione: 26 marzo 2020
Formato: Cartaceo+Kindle
Pagine: 124

“Il giardino è il rifugio dell’uomo, il suo santuario”

Nel 1992, quando scoppia la guerra in Bosnia, Teodor Cerić, studente di Lettere e poeta, lascia Sarajevo: per sette anni, cerca rifugio sulle strade d’Europa, lavorando dove capita e visitando giardini, spesso sconosciuti, marginali, nati dai sogni e dai desideri più intimi dei loro creatori.
Durante questa lunga erranza, elaborerà un pensiero sul giardino fondato su una concezione romantica della natura, pensiero che sorge dalla visita di questi luoghi di cui Cerić coglie la dimensione poetica e esistenziale, e soprattutto la capacità di sfuggire al disastro della Storia, alla perversione della civiltà. Dal giardino-cimitero di Derek Jarman passando per il voluttuoso Monte Caprino nascosto tra i colli di Roma, Cerić è la guida di un’escursione letteraria e bucolica, sognante e metaforica, alla ricerca di un rifugio – il giardino – in cui il mondo diventi finalmente abitabile.

Teodor Cerić

poeta e critico letterario, ha pubblicato una raccolta di poesie, Solo il poetico può uccidere la poesia (Aporija, 2007), dopo la quale si è consacrato a un’unica opera, al suo giardino.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Post correlati

it_IT
en_GB it_IT